fbpx

Aspettando la rivoluzione degli e-book è arrivata quella dell’audiolibro

  • Pubblicato 
  • il 21/05/2019

Gli audiolibri saranno una rivoluzione? Quasi tutti attendevano la rivoluzione dell’e-book e invece, in silenzio, è arrivata quella dell’audiolibro. 

In realtà non parliamo ne di una tecnologia nuova ne di una idea nuova, ma la vera novità sta nella possibilità di fruizione. Oggi da uno smartphone, da un tablet, da un notebook, si possono raggiungere in qualsiasi momento le piattaforme digitali dove con un semplice abbonamento si può ascoltare gran parte della letteratura. 

Il punto di partenza di ogni riflessione sull’inarrestabile “rivoluzione audio” sono i numeri di un mercato in continua crescita. Negli Stati Uniti, paese leader da sempre di questo mercato, il fatturato degli audiolibri vale oltre 2 miliardi di euro, con una crescita del 25%. In Gran Bretagna vale 35 milioni (+25%) ed in Russia, dove il mercato è nascente, sta arrivando ai 10 milioni di euro. Anche Germania, Francia e Spagna rilevano un costante aumento, con un incremento di “ascoltatori” di quasi il 20% negli ultimi mesi di fine 2018. Un dato inatteso arriva invece dalla Cina dove il 25% della popolazione ascolta soprattutto audiolibri di manualistica di consumo e di auto-aiuto riguardanti soprattutto salute, benessere emotivo, lavoro, famiglia e amore.

In Italia l’audiolibro sta entrando ora nelle abitudini di «lettura» come parte di un mix carta/digitale che sempre più coinvolge il lettore, ed il 10% dichiara di averne ascoltato almeno uno nel 2018.

Da soluzione per non vedenti, ipovedenti, popolazione anziana, oggi l’audiolibro è diventato un prodotto per tutti. 

Vari gli elementi che ne stanno spingendo il successo il sempre più crescente utilizzo dei device multimediali, la centralità fondamentale acquisita nel quotidiano da un device in particolare, lo smartphone, una connessione alla rete pressoché continua e un deciso aumento della qualità media dei prodotti:oggi vengono realizzati quasi tutti in attrezzatissimi studi di registrazione, con l’accuratezza che in passato si dedicava alle registrazioni musicali ed al doppiaggio. 

Ma soprattutto l’ingresso sul mercato delle piattaforme digitali: prima Audible e poi Storytel. 

La nuova vita dell’audiolibro ha un traino tutto tecnologico. Il consumo audio, infatti, è largamente condizionato dal supporto su cui si muove la fruizione. Un supporto che agisce sui contesti d’uso, sui luoghi e sui tempi della lettura e dell’ascolto. Un supporto che interessa realtà produttive diverse, che incrocia le istanze di chi i contenuti li produce con quelle di chi li distribuisce. E con quelle dei provider e dei partner tecnologici, delle realtà IT senza le quali non esisterebbe lo scenario che stiamo osservando.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Audiotellers si trova a Roma.
Potete raggiungerci al telefono:
m.+39 351 93 61 139
m.+39 338 14 62 453
m.+39 348 91 00 226
Oppure scriverci a:
info@audiotellers.com

© 2019 tutti i diritti riservati

Made by ikon​